Boris e la primavera sono arrivati

Amici wordepressi e wordfelici, ieri con la primavera è arrivato Boris, il mio terzo romanzo! Provo a parlarvene sperando di incuriosirvi!

Boris è un bambino con un sogno: andare a scuola. La sindrome di Asperger da cui è affetto, la sua cecità, il suo mutismo e la miopia degli ispettori ministeriali che analizzano il suo caso renderanno il suo percorso impervio e tormentato. Nella sua avventura non è solo, ma ha un amico speciale, Yuki, che lo incoraggia alitandogli in faccia strofe di canzoni famose. La vicenda dei due amici si intreccia con quella di due amanti, una donna greca in fuga da un ex marito violento, e un militare dal fisico atletico che, improvvisamente, smette di rispondere alle sue lettere d’amore e scompare nel nulla.

Riuscirà Boris ad avere il suo agognato banco?

E i due amanti riusciranno a ritrovarsi?

Tratto da tre storie vere che mi sono state raccontate in mesi di colloqui sia telefonici che via email. Una esperienza pazzesca! Storie crude e nude, come la realtà…

Boris è anche il secondo volume della tetralogia che ho in mente, opera in quattro volumi di cui il primo è “Sono solo io”. Siccome le cose semplici non ci piacciono, però, la “saga” può essere letta a vostro piacimento, potete prendere un solo volume dei quattro che usciranno, potete partire dal secondo e poi passare al primo, o potete anche solo leggerne uno a caso. Ogni romanzo della saga “storia di uno strano”, infatti, è un poco… strano, ed è completo pur essendo inserito in un quadro più ampio. Insomma, fate un poco ‘gna cazz’ volete eh!

Buona lettura!

https://www.amazon.it/dp/1520789149

I papà dei Giardini Cavour

aiuola_balbo_z

Non esistono solo i gruppi whatsup di mamme.

Per motivi su cui Piero Angela sta ancora preparando una puntata insieme a Bruno Vespa, nonostante la proverbiale avversità maschile alle chiacchiere, esistono anche gruppi whatsup di soli uomini.

Riporto infedelmente una conversazione occorsa nel gruppo di cui mi pregio esser primo fondatore e costante animatore “I padri dei Giardini Cavour”.

Da qualche giorno le mamme dei Giardini Cavour ciarlavano di un cambio di maestra.

Nel pieno della notte, saranno state le tre, il primo commento di un papà nel nostro gruppo. Considerato che manda sempre messaggi di notte, e per altri motivi che forse emergeranno nel prosieguo, lo abbiamo ribattezzato PapàPuttana.

PapàPuttana: oh sentito nuova maestra? [nda nei gruppi di uomini gli uomini, essendo uomini, e quindi pratici, eliminano ogni avverbio e preposizione, per non parlare degli ausiliari; tanto è tutto sottinteso]

PapàCommercialista: Ma l’hanno assunta con regolare contratto? Se no addio detrazione del 19% sul 50% del 100% di spesa con un tetto massimo di 400 Euro e una franchigia non assorbibile di 129 Euro per l’art. 2 del TUIR.

PapàPuttana: speriamo bona almeno [ndr, sottinteso “che sia”].

PapàBuzzurro manda la foto di due cani che scopano e ride da solo. Nessuno lo caga.

PapàBiker: manda il video di un idiota che percorre una tangenziale a 230km/hr e chiede se non è una figata.

PapàAvvocato (non io): ma qualcuno verificato referenze? Chi ha scritto il contratto assunzione? Papàbiker, se c’è un vigile qui sul gruppo egli è obbligato a segnalarti per eccesso di velocità e guida pericolosa.

PapàOssessivo: mettiamo telecamere.

PapàPuttana: Speriamo che tratti bene i bambini e faccia bene i pompini.

PapàOssessivo: mettiamo telecamere, così vediamo come si comporta.

PapàBiker: manda il video di un idiota che sta a gambe aperte e col culo da fuori, e si fa limare i peli dalla ruota posteriore di una moto che parte sgommando. Nessuno lo caga. Lui chiede se abbiamo visto i due video. Nessuno continua a cagarlo.

PapàAvvocato: per la telecamere c’è bisogno dell’autorizzazione preventiva, concessa anche tramite silenzio assenso che consegue a presentazione di apposita istanza, da parte del Garante della Riservatezza dei Dati Personali, e di apporre segnaletica che avvisi chiaramente, e in tutte le lingue del mondo, che l’area è video-sorvegliata.

PapàOssessivo: Sì, va bene tutto, ma mettiamo le telecamere.

PapàBuzzurro: Mettiamoci mia moglie a sorvergliare le maestre e le bidelle.

Io: Buzzurro, come potrebbe mai controllare? Ci sono tre maestre e sono in tre aule diverse divise da spessi muri.

PapàBuzzurro: mia moglie ha i raggi x come Superman. Vede attraverso. Quando sto cagando, pure che ho la porta chiusa, dalla cucina, se mi alzo dalla tazza senza aver usato lo scopettino, mi grida di usarlo prima che riesca a premere lo sciacquone.

PapàPig: com’è la moglie di papàBuzzurro? Qualcuno l’ha vista?

PapàBuzzurro: stronzo guarda che leggo anche io.

PapàPig: ho solo chiesto com’è, mica ho chiesto se è pisellabile.

PapàBuzzurro: ti aspetto davanti la scuola e ti faccio il culo, stai avvisato.

PapàBuzzurro ha abbandonato polemicamente il gruppo.

PapàPig ha abbandonato codardemente il gruppo.

PapàOssessivo: mettiamo le telecamere.

PapàCommercialista: condivide il diciottesimo emendamento al TUIR, nella versione approvata in prima lettura al Senato, per la riforma del limite di deducibilità degli oneri previdenziali non dedotti in quanto eccedenti il massimo limite deducibile. Nessuno lo caga.

PapàFast&Furious manda la foto di un’auto con il cofano bombato e le luci a led dappertutto, le minigonne e i cerchi in lega di colore nero notte.

PapàBuzzurro è entrato (di nuovo) nel gruppo.

PapàBuzzurro: WOW! E’ un’Astra elaborata da Fast&Strunz?

PapàFast&Furious:  PRE-CI-SA-MENT-TE.

PapàAvvocato: sarà omologata? Altrimenti se ti beccano a circolare sequestro e via.

PapàFast&Furious: ci devono solo provare a prendermi col bolide.

PapàAmazon: raga ho trovato su Amazon un drone che se ne prendiamo 120 e paghiamo in anticipo scegliendo la spedizione via mare (data consegna stimata in sole 30 lune!) possiamo risparmiare tre euro a testa. Basta che ci registriamo ad Amazon Prime.

PapàCommercialista: e quanto costa Amazon Prime?

PapàAmazon: duecento euro all’anno. Ma le spese di spedizione sono G – R – A -T – I – S. allora? Chi c’è?

PapàPuttana: bambole gonfiabili su Amazon ne abbiamo?

PapàPig1 è entrato nel gruppo (con profilo pretesamente anonimo).

PapàPig1: non vendono bambole gonfiabili su Amazon, ma puoi chiedere alla moglie di PapàBuzzurro. Dicono che abbia preso nel fodero più mazze lei che una sacca da golf.