Pronti? Via!

image

Ci siamo.

Si parte.

Con la mente sono già sotto l’ombrellone.

Con il corpo, tuttavia, devo ancora affrontare IL MOSTRO.

La A1, 800km di due coglioni dritti a due/tre corsie, noia distillata.

La A1 che mi attende placida, accogliendo nelle sue gallerie un flusso longilineo, bidirezionale e interminabile come un pompino dopo una doppietta.

Ancora non ho oltrepassato la famosa “barriera”.

Quella sfilza di caselli che tanto più ampia tanto più sbando.

Perché sono un indeciso cronico.

Sebbene io sia dotato di telepass (grazie mamma per aver insistito tanto, come quando mi dicevi “ndundì nch’ li fì a ffà la fila, vai alla corsia d’ lu viacard, ni li sì ca pu’ pagà pur ngh’ la carta di credidiota?) attraverso sempre le linee di incolonnamento / demarcazione casello.

Attraversamento inutile, visto che la fila ai caselli del telepass non esiste, tranne quando c’è il solito pirla che si accorge di NON avere il telepass solo 10 cm prima che la sbarra lo decapiti come sarebbe auspicabile che accada ma non accade mai.

Anche perché le sbarre, a dispetto dell’aspetto robusto, sono leggerissime.

Come lo so?

Che ve lo dico a fare, io sono stato uno di quei pirla di cui sopra, ma per distinguermi non ho frenato 10 cm prima e ho sfondato la barriera.

Alle urla di uno dei casellanti ho risposto con una sonora sgasata.

Furbo io.

Ho anche zigzagato per non fargli prendere il numero di targa.

Furbo io, mica no.

Uno strano bagliore mi colpì alle spalle.

Era un MEGAFLASH da ottomila megatroni di Watt.

Provare per credere.

Alle Autostradeperl’italia S.p.A. le foto notturne vengono fottutamente nitide.

L’ho scoperto 30 giorni dopo, nella casella di posta non-elettronica.

Dunque tornando all’oggi, ancora non sento neppure il “biiiip” del telepass che arriva il driiiin del telefono.

Nessun pronto, nessun ciao come stai, nessun preambolo, mia madre dritta al sodo come sempre:

Ndò stìi?”

“In auto…”

“Scine ma a ghe altezz’?”

“Più o meno a 40cm da terra, seduto sul sedile”

“Mi sti a ‘rfrecà?”

“No a mà, sting anGor a lu casell, nin ti steng’ a refrecà”

“Ch’ t’ puzza virgugnà, acusci tard’ partete? E auà, nin serv’ a nint’ ca’ fi’ fint’ d’ parlà lu pescares, tu nin ci si parla accusci”

“A mà sì, partiamo così tardi, babbuò? Che è, s’ fredd’ o rraù? Nun m’abbuffà a uallera”

“Sci ‘ccis tu ess mammete….

Tu tu tu tu (la bisognerebbe smetterla con “tu tu tu tu”; i cellulari quando cade la linea fanno solo silenzio. Continuerò solo perchè se piazzo un silenzio a significare un’interruzione brusca di conversazione non capite, come vostro uso e costume).

Driiiiiiiiiin

Pronto?”

“Pronto!”

“Eh ciao lozzì”

“Si partit’?”

“Scine”

“‘ndo stì, a ghe altezz?”

“Boh”

“‘Mnaggia Sanda! Gna cazz’ fì’ a nin sapè ‘ndò stì?”

“Che ne so lozzì, sto in mezzo a ‘na montagna da 1 ora, anzi ti lascio che è pieno di tunnel”

“Ndundì allòr’ sti prim’ de’ Firenz’…avem’ capit’, vabbò, prim’ de’ ser’ a tte nt’ s’ ved’ a-ecc

Tu tu tu tu tu

Driiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin

CHI CAZZO E’?”

“Ue calmino, ciccino, sono la boss”

“Che te chiami con l’anonimo? che vuoi?”

“A che altezza stai?”

“MA PURE TU?”

“Ho dimenticato la filippina chiusa in casa, me la vai a liberare? le chiavi sono sotto lo zerbino”

“Non ci penso proprio”

“Me la pagherai”

“Ma tu…

TU TU TU TU TU TU

DRIIIIIIIIIIIIIIIIN

Pronto?”

“Buongiorno parlo col sig. Avvocatolo?”

“Sì e io scommetto che, da come ha iniziato, io parlo con un call center che mi vuol vendere qualcosa”

“Guardi avremo un’offerta che…

TU TU TU TU TU TU

DRIIIIIIIIIIIIIIIN

CHE C’E’ A MA’?”

“Ndo stì?”A ghe altezz’ sì arrivat?”

“Non lo so a Mà”

“Auà moh t’ l’ dic’, vid de te dà na mossa ca’ se fredd’ tutt’ cos”

“A mà ma non vengo a mangiare a casa, mi fermo da…

DRIIIIIIIIIIIIIIIN

Ue B., comm’è?”

“T’appost. CHe altezz’ staj?”

“Nun m’ frantucchià o’ cazz’ pur’ tu, eh”

“T’ha chiammat’ mammà, eh?”

“Sì, u zij, a nonn, e pur o nonn'”

“Ma chill’emmuort o’ nonn'”

“E chila-mmuort chill’ m’è venut’ ‘nsuonn pur quann’ stong scetat'”.

“Vabbuò c’a vrimm”

“Ci vediamo, si, statt’ buon’

Driiiiiiiiiiiiiiiin

Pronto?”

“Brondo!”

“Ue nonnabella”

“Brondo?”

“NONNAAAAAAAAAA”

“Brondo? Giattè, GIattè, vi ‘n po’ a ecc’, famm’ vedè ndo’ teng’ da parlà, n’ s’ sent’ gniente

Voce fuori campo: “Nonna devi girare il telefono”

BRONDO! BRONDO!”

“M’ sieeeeeeeeeeeeeeent? Tttuttaaaaaaaaaaapposssssst?”

“Ndo’ sì arrivat, a ghe altezz?”

“Non lo so di preciso No'”

“Li si passat’ Roma?”

“No a No’, quà Roma e Roma, stong’ ancor ncopp’ Firenz, c’ sta burdell’ ‘ncopp’a’l’autostrad'”

“Gna cazz’ si partit’ tard. Sint’ n’ bò a mè, li vu’ ddu carciufin’?”

“Ottimo! Si grazie Nonna”

“Du’ salgicce?”

“Anche quattro!”

“E sint’ n’ po’, du melanzan’ sott’olj t’ li facc’ truà?”

“Si fammele trovare, ma due-due eh”

“Li pependun?”

“Gnum! Peperoni! Boni! Vai facile”

“Mbè mic’ li vulem scartà li frungitt?”

“Funghi! Mmmm ma sì, due pure di questi via, ma non esagerare come a tuo solito, che c’ho un’Alfetta mica il Fiorino (e non c’ho manco i…chi siete? che volete? DUE FIORINI!)”

“Mèh lu prossim’ ann’ quann’ arvì a la cas’ a n’ora coma Crist cumnand’ te facc’ truvà tutt’ cos’, pe’ quest’ann’ t’ha dì cumprà li suttacet’ e li salgicc’ all’aundogrille, cuscì t’empari”

“NOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Non so’ manco arrivato all’altezza di Firenze che ho già fatto danno.

Advertisements