Marzo

Marzo: nu poco chiove
e n’atu ppoco stracqua…
Torna a chiovere, schiove…
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo’ nu cielo celeste,
mo’ n’aria cupa e nera…
Mo’, do vierno, ‘e ttempeste,
mo, n’aria ‘e primmavera…

N’auciello freddigliuso,
aspetta ch’esce ‘o sole…
‘Ncopp o turreno ‘nfuso,
suspirano ‘e vviole…

Catarí’, che vuó’ cchiù?
‘Ntiénneme core mio:
Marzo, tu ‘o ssaje, si’ tu…
e st’auciello, songh’io… (Costa / Di Giacomo)

E anche Marzo è andato, giorno più, giorno meno, smadonnamento in più, smadonnamento in meno.

L’aria lieve ha la temperatura del vino bianco, non di certo tiepida ma neppure gelata, e sembra sussurrare al mio orecchio interno, dritto al midollo della mia ferinità.

Nel parco son tornate le margherite, il servizio meteo più affidabile e affabile su cui l’umanità intera abbia mai potuto far affidamento, amalgama perfetta di semplicità, signorilità e audacia cromatica (un essere umano difficilmente indosserebbe quei petali bianchi di titanio su una chioma giallo scuolabus, con sotto un gambo così verde lega, credo).

Il lieve tremito delle piantine sul balcone, l’odore di terra impregnata e umida, le gocce di sole che stillano dagli scuri, come polla di scogliera, tutto l’ordito e la trama del cosmo sembra cospirare e contribuire al mio ribollore, allo sciogliersi delle mie nevi interne, le cui coltri fino a pochi giorni addietro ammantavano i prati verde (bidone del vetro) dei miei intorpiditi, sonnecchiosi sentimenti.

E mi sento come l’uccellino di Catarì (cos’altro resta dell’anno 1892 se non Catarì?), che freddiglioso, aspetta che esca il sole, senza nulla sapere del pazzo girovagare della terra intorno al sole, e del sole intorno al centro della galassia, e della galassia intorno al nulla, eppure conoscendo della geografia astronomica tutti gli effetti, sin nel più minuto sospiro delle viole su quel terreno ‘nfuso, per averli vissuti sulle sue penne.