Juanito

“Sangre de toro de hitemuort…”

“Che è stato, Juanito?”

“El mi nome, avvohuito, es Juanito Solèro Alvàrez Furente De la Minkias Esposito1, y tu estai prehato de llamarme con mi nome, l’intiero mi nome, entiendes2?”

“Ok, senti, Juanito Solèro Alvàrez De la Minchias…”

“No no, non Minchias, Minkias, non se puede sentir “Minchiàs”, repete por favor, es mi onor”

“Senti, uagliò, che è stato?”

“El boss, harogna de avenida…”

“….”

“Lo mato, lo mato, ay si lo mato, me voy a lo matàr…”

“‘Ndo vai, ‘rcatroia? che è stato?”

“Fijo de la puta, marscio como un muerto de trinhea”

“Come sono i morti di trincea?”

“El muerto de trinhea remane sepulvèdo soto la tierra por un sacos di tiempo y huindi es muy fètido, muy tànfo…ay!, ay!, si, lo mato, ay si lo mato, ay lo mato si lo mato”

“Ma che devi matare, dàtti una calmata, mi dici che è stato?”

“Avvoloculo, el puerco mi ha faTo lessiòn de vida”

“Avvocatolo avvocatolo, no avvoloculo ‘nculassoreta…nientedimeno ti ha fatto lezione di vida la carogna di strada….tremo al pensiero di cosa possa averti insegnato”

“Me dise que por far hariera aqui, jo soy muy aretrado”

“E perché sei arretrato per la carriera? Il  che ti pone comunque già una spanna davanti a me…”

“Dise que jo soy un asosìal”

“Un che?”

“Asosiàl, que nuca frequento los otros abogados, que soy muy reservado, que dovria farme amigos in todo el studios”

“Ah asociale, sai la novità”

“Dihe, el boss, quel topohihio màs griscio de una jornada de foschia en Barselona quando halienta el sol ma la nebbia s’è insinuada per le halle….”

“Aho e dacci un taglio co’ sta metafora, topogRigio già bastava…”

“Ay, tu c’hai rrahione, intiende que quel topohihio griscio me dise que por uno estrangiero como migo “

“Uno…che?”

“Uno estrangiero, qui viene da otro Paìs, esempio come migo en Italia, o come tigo en la Espana, intiende? “

“Ah, uno straniero…”

“Ay, dise que uno estrangiero nesessìta eser amigo di todos los otros abogados, che nesessìta andarse a colassiòn, en la montana a siàr, al mare ad abrustolirme como pannohhia de mais, che dovria escobarme qualhe segretarias porque escobàr con una segretàr te permete di saber lo mejos segretos de lo studios”

“Quante storie, che male c’è a suggerirti di trombarti le segretarie?”

“Tu es loco como un toro loco…les segretarias son tode hessi”

“Hessi?”

“Hessi hessi, entiende el puesto dove vai a hahare”

“Hahare?”

“Hahare hahare, quando calienta el sòl e tu hai manhiato peperòn imbuTonado, e te se sgarrìa el culo y tu cerchi a tentòn la tassa, in una parola, el cesso dove vai a hahare empestando de fedore per hore e hore qui dopo pasa la cameriera a sprussar un ahente himiho, tipo el mastrolindo spray, por salvar vide humane…”

“Ah cacare…beh puzzerò pure quando mi si “sgarrìa el culo” ma tu francamente non sei Chanel n.5 eh”

“Y tu non sei miha Bandèras nombre 1…ay home è, home non è, jo lo mato, lo voy matar”

“Ma che mati! Per così poco te la prendi? A me ha dato tante lezioni di vita che ho la laura, il master e pure lo stage in stronzologia, lassa stare, dice sempre che bisogna essere amico di tutti, ma se tutti fossero amici di tutti francamente sarebbe la prova provata che nessuno è amico di nessuno, un’altra volta mi dice che devo essere serpente coi superiori, scimmia nelle relazioni sociali, leone con gli agnelli, agnello coi leoni, gatto coi clienti, verme coi concorrenti, squalo coi colleghi…”

“En pratica te consihiò de esser un poquito zoo”

“Si e un poquito zoccola”

“Està bien, ma yo prima he rituerno en Espana, prima che finisga este periodo de hemellahhio lo mato”

“Credo che se tu lo facessi farei una colletta per affittare l’Arena di Verona e lasciartela disponibile per una bella corrida…”.


  1. Se vi siete chiesti come mai un estrangiero espagnolo si chiami, tra le altre cose, anche “Esposito”, ciò è dovuto alle sue origini nobili, i.e. partenopee. Da qui anche l’espressione tipica ispanico-napoletanico “Sangre de toro de citemmuort”. 
  2. Questa nota è solo per far commuovere Ysingrinus, cui sono sicuro scenderà una lacrima nel vedere, dopo mesi di istruzioni, che l’avvocatolo finalmente ce l’ha fatta, uno di noi che ce l’ha fatta a mettere una stracacchio di nota, anzi due! 
Advertisements