Ilaria dov’è?

La mission: liberare Ilaria.

Scomparsa nel nulla senza lasciare traccia da 24 ore.

Riunione dell’unità di crisi rescue ultra-vox: stendo la mappa dell’obiettivo sul tavolo in cucina.

La fredda luce della lampada a led Ikea lancia barbagli e riflessi striati nelle pieghe della mappa.

La missione richiede freddezza, tempestività d’intervento, discrezione, mimetismo.

Non posso delegare l’operazione a nessun soldato, nel mio battaglione non c’è nessuna testa di cuoio più adatta: tocca a me.

Preparo l’armamentario: ombrello di Peppa Pig, Antipioggia di Elsa, Giacchetta di Brave.

Ore 08.30 puntuale come un raffreddore a settembre arrivo ai cancelli dell’obiettivo.

Come ogni buona spia, osservo tutto e tutti e registro: culo grosso in pantalone stretto, non è la mamma lo tratta troppo spiccio, disoccupato o spia troppo lemme lemme, parcheggia in strisce blu per autobus grande SUV grande cafonazzo.

Saluto Suor Maria con aria bonaria, nessuno deve sospettare le mie vere intenzioni.

Salgo le scale fischiettando un motivetto sacro dedicato ad una omonima della suora, Maria Salvador, di Padre J-Ax.

Mollo la principessa alla maestra, mi informo sul menu del giorno, annuisco, e per rendere più credibile il personaggio, ma solo per amor di recita, fingo di grattarmi il mento sul petto e le sbircio nella scollatura, poi ringrazio, asciugo un paio di lacrimoni e simulo un’uscita di scena in tutto identica a ogni mattina.

L’ingresso di una muta di cani rognosi e chiassosi vestiti da bambini mi offre il destro: anziché scendere, infilo la rampa di scale che sale, in direzione dell’AREA 51: IL DORMITORIO.

Rotolo sotto un cancello che stava calando dall’alto attivato dalle cellule fotoelettriche, infilo la tuta di Diabolik, salto il fossato dei coccodrilli, mi getto a terra quando dalla finestra noto Suor Miopina che, dall’atrio dove si trova, alza lo sguardo al cielo plumbeo, e quindi comincio la perlustrazione.

lettini

Ottantanove lettini, li frugo tutti alla ricerca di Ilaria.

Niente.

Qui trovo un Leo, lì un Barbapapà, pare che tutti qui usino la supponta pro sonno.

Eva qiu Adamo ripeto Eva qui Adamo mi ricevi?

Adamo qui Eva ti ricevo forte e chiaro.

Ilaria non c’è. Qual è il suo letto?

Quello rosa.

Sono tutti rosa, o azzurri.

Quello con gli orsetti.

Hanno tutti gli orsetti, o le principesse.

Quello con su scritto il nome di tua figlia, imbecille.

Ah. Ok. Solo che è buio.

Accendi la luce.

Sì e visto che ci sono perché non accendere un bel fuoco segnaletico e suonare un po’ la tromba?

Non tornare a casa se non l’hai trovata.

A passo felpato striscio sotto i letti, raccolgo più polvere di un reggimento di Folletto, alzo i cuscini, scosto i quadri dal muro, sollevo televisori, cavallucci a dondolo, cucine multipiano, piste di trenini, mari e monti, ma Ilaria non c’è.

Pensa come Ilaria.

Devi diventare Ilaria.

Se tu fossi Ilaria, dove andresti a nasconderti?

Con questo freddo, su un termosifone! BINGO!

ilaria

Pronto?

Pronto.

Missione compiuta.

L’hai trovata?

L’ho trovata.

Sicuro sia lei?

Io no, ma prima di andare via ho portato Ilaria dal cliente e la sua reazione mi pare eloquente.

Passo e chiudo.

ROGER.

ok

Advertisements

146 thoughts on “Ilaria dov’è?

  1. Una missione pericolosissima. Di quelle in cui non è sufficiente il sangue freddo, occorre anche una notevole capacità. Il sangue freddo senza la capacità indica solitamente la morte o la rettilanza.
    Pensare come il soggetto che si sta cercando, immedesimarsi, doti fondamentali per chi deve operare una missione di salvataggio o condurre un’investigazione.
    Bravo!

    Liked by 1 person

  2. E bravo!!!
    Ilaria è oggetto prezioso e solo un papà (non Barba…) poteva riuscire a capirlo, immedesimarsi nei suoi pensieri e diventare un detective..
    Magari se smarrisco il mio orsetto ti chiamo…No, mmmm…sono sicura che non funzionerebbe.
    Un papà è solo per la Principessa 😉

    Liked by 1 person

  3. Beh facciam che non leggo il prossimo… Mi hai attirato col miele brutto orso di masha…!
    Senti senti ma te potevi fa aiutâ dalla squadra della giungla!
    Ma che te fai pure full metal jacket?la tua boss tr porta sulla cattiva strada!
    Attento che poi te fa fare addominali e flessioNi e poi te viene il fisicaccio…poi i mutandoni come te li metti? E come fai diabolik in calzamaglia? Hahahah!gran bella immagine questa!

    Like

  4. Pingback: Emozionami TAG | Solo per amore

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s