Dai Diari di A. A. C. e E. [per tacer del S.] – Parte II

DAL DIARIO DI C.

Quel trimone di A. non me la conta giusta.

Nascondere qualcosa per A. è geneticamente impossibile.

Trema.

Balbetta.

Mi fissa in continuazione.

Appena lo guardo, sbianca, poi arrossisce, e con ostentata indifferenza simula (malcelatamente) un’improvviso, impellente, inderogabile quanto improbabile desiderio di osservare il mare, come se non avesse mai visto un’onda in tutti questi anni di isola dei famosi perenne in cui viviamo.

Più che guardare le creste e i picchi e le valli (di lacrime) delle onde, sembra intenda (intento a, intendo) contarle.

E nel bel mezzo dei suoi posticci studi oceanografici, continua a scrutarmi di sottecchi.

Anche la mamma, francamente, non me la conta tutta giusta.

Recentemente si atteggia come se ce l’avesse solo lei…donne!

Sì, credo proprio che li seguirò.

Tutti.

DAL DIARIO DI A.

E. non me la conta giusta.

Segue sempre A.

Capirei se seguisse me.

Capirei, a fortiori, se seguisse, magari, C., certo, C. sarebbe logico che la mamma lo seguisse da vicino, quel ragazzo non è mai stato tutto apposto, chissà da chi ha preso, poi.

Di sicuro non dal Nonno.

L’altro giorno insisteva affinché gli rivelassi dove tenessi nascosta la sua nonna.
Gliene ho chiesta la ragione.
Sapete, giovanotto, cosa mi ha risposto?
Che voleva ingropparsi sua nonna!!!
Alle mie rimostranze mi ha folgorato ribattendo con malefica arguzia: “Ma scusa Papà, non sei tu quello che va predicando non fare agli altri quel che non vuoi venga fatto a te? Se tu puoi scoparti mia madre non vedo perché io con la TUA di madre non potrei…”.

Un sonoro ceffone ha anticipato la probabile aposiopesi con cui avrebbe lasciato in sospeso l’orrido pensiero.

Ma seguire quel pezzo di pane di A., che senso può mai avere?

E’ icto oculi evidente (sarebbe lapalissiano se fosse già nato il generale de La Palice, il quale, “se non fosse morto sarebbe ancora in vita), è lampante che A. abbia preso tutto dal ramo paterno della famiglia, posso giurarlo sui suoi Ascendenti di 2° grado.

Dunque, donna, perché mai segui A.?

Chissà cosa mai ti frullerà per la testa.

Il mistero qui si infittisce.

Sì, credo proprio che li seguirò.

Tutti.

p.s. Me ne sono accorto subito che E. seguiva A., poi dice che non mi accorgo mai di niente!, pfui.

DAL DIARIO DI E.

Sto seguendo il mio maritino A. da un bel pezzo, e da qualche giorno ho aggiunto C. ai miei pedinamenti. A. direi che posso tralasciarlo, per ora, cucciolotto indifeso, ha preso tutto dal mio ramo della Famiglia, la sua anima è impastata a frolle di nuvole e mandorle e tuorlo d’uovo della prima gallina (o tuorlo di gallina del primo uovo, non lo so, chi è nato prima?).

Nessuno di quei tre me la conta giusta, ma il mio maritino più di tutti non mi sconfinfera, benché sia adamantino e, anzi, proprio perché adamantino, più di tutti è oggetto dei miei sospetti e conseguenti appostamenti.

Figuriamoci se se ne accorge.

Uomini!

Pfui.

Non si accorgerebbero di mille colpi di sole neppure se fosse Apollo in persona (anzi, in deo, gratias signor lettore di avvocatolo per avermi corretto il refuso) a sferzarli dal suo cocchio.

Mi chiede “perché non provi a farti mora”.

Perché, non gli basto io, eh?

Uomini.

Pfui.

Come vien loro a noia presto, la loro donna, soprattutto quando non han paura che diventi di altri.

Uomini.

Tsk, tsk.

Sempre a giocare.

Peraltro, A. me la luma (con o senza luna) in continuazione, pare non ne abbia mai vista una in vita sua, e che sarà mai!.

Sono arcistufa di essere usata.

Ancora il solito sesso.

Arcistufa di dover cucinare tutti i giorni, con la scusa che son loro a portare il pane a casa.

Col piffero che procacciano pane.

Loro si limitano a raccogliere mucchi di spighe di grano, ma da qui al pane ce ne passa di sudore, dal grano al pane ce ne passan di pene.

Tutta farina del mio sacco (per Isacco! meglio se io taccio!), il pane, tutta farina raffinata dal mio tacco, per bacco, no, no signora mia, non c’entra nulla il dio di vino.

E’ come se io abbattessi una quercia di rovere, falciassi due tonnellate tra segale, grano, mais e orzo, e trainassi il tutto, unitamente ad un iceberg, dei chiodi e un martello, sulla battigia, e poi avessi la pretesa di vantarmi d’aver portato a casa barili e barili di whiskey on the rocks.

Uomini.

Mai che si possa fare un discorso serio con loro.

Mai nessuno di loro che mi chieda come è andata la mia giornata, o se ho fatto qualche nuova amicizia.

Mai un vestito nuovo.

Mai che mi portassero a cena fuori.

Mai nessuno che mi peli la frutta.

Mai nessuno che mi rasi l’aiuola.

Mai un pettegolezzo che, giuro sul pendolo di A. (che Eloah lo abbia in gloria, speriamo non molto presto), non saprei proprio con chi scambiarlo.

Uomini.

Ignorano la letteratura.

Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto”, diceva un mio amico delle elementari, che di cognome faceva Va e di nome Angelo Giovanni [dopo innumerevoli googlate son giunto a reperire la citazione in un Vangelo di Giovanni, edizione CEI 2008; ne ho tratto alcune argute osservazioni circa un altro errore madornale di traslitterazione fonetica dovuto a tradizione (tradimento, piuttosto!) orale, ma non avendo spazio qui sul post ho nascosto e compresso tali osservazioni sotto la seguente parentesi quadra chiusa, da cui, se vorrete, potrete estrarre le mie osservazioni servendovi di uno scalpellino da 2mm per Iphone, da 3mm per Samsung serie Galaxy, occhio a non grattare troppo che potreste non tanto graffiare lo schermo (tanto si cambia e 9 su 10 che abbiate già messo su la pellicola protettiva) quanto rovinare le mie preziose riflessioni che andrebbero così perdute per secula seculorum ].

Gli uomini si illudono di portare a casa il grano, e intanto ignorano il Va Angelo e le sue elucubrazioni sul chicco di grano, che, come i fiori, nasce, cresce (crusca!), corre, muore, rinasce.

Uomini.

Noi donne potremmo farne a meno tranquillamente.

Se non che…[QUI SEGUE UNA DELLE PIU’ BELLE PAGINE MAI SCRITTE NELLA STORIA DEI MANO-SCRITTI MA NON POSSO RIVELARVELE SE NON VI HO PRIMA RACCONTATO UN ALTRO ASPETTO IMPORTANTISSIMO DEI DIARI. QUANDO, CHIEDE IL SIGNORE IN SECONDA FILA? PRESTO]

Advertisements

182 thoughts on “Dai Diari di A. A. C. e E. [per tacer del S.] – Parte II

  1. Vicenda molto complessa,forse ancor più di quanto possa trasparire dagli appunti diaristici… Ho provato soltanto nel film di Woody Allen,”Guerra e pace”,la stessa sensazione di non sapere che pesci pigliare, quando uno dei personaggi elenca all’altro le implicazioni amorose di certi altri individui…

    Liked by 1 person

  2. se questo è l’ effetto, dopo una o più settimane, dopo le ferie…be’ mi organizzo una fuga con il bagnino…
    non ho capito una mazza ma, nel particolare, dove vuoi andare apparare? lo sai, sono impaziente, intellegulazio precoce.

    Liked by 1 person

  3. Ah vebbuó! Cu dobbiam preparare ad intrecciarci le cervella!? Aiutatemeeeee! Senti senti io ho fatto i grattini alla parentesi quadra orfana di inizio ma non è succeduto nulla… E i non ho il salvaschermo pellicoloso… Mo me s’è fatto il solco! Nasce cresce crusca! Hahaha! Ma crusca vuol di che fanno le zozzerue x far nascere i granetti?! Senti senti… Ma Angelo Giovanni, …dove Va? 😜 solo una mente con la ruspa come la tua poteva trovà sti diari da sacro graal!

    Liked by 1 person

      • Ma piantalaaaaaaaa! La pianta de grano! Sai mai che nasce cresce crusca pure questa! Hahaha! Che scemettolo che sei! Te confesso che i vangeli apocrifi ce l’ho messi io dove li hai trovati così potevi fa sti post da arrovellare le budella… Cosicche io te rispondessi e tu te potessi scompiscia! Hahha questo é degno dei tuoo diari!

        Liked by 1 person

      • Mooo ho capito perche te scompisci… Perché non scrivo una parola giusta! Ps… Te so arrivati i grattini? O i gattini? Fa come te pare! Ps. Instangram de nome pure lo conoscevo di nome? Sia mai io cosi tecnologica! E mo pure attraverso le tue foto… Ma come le due tipe che vanno a bangkok passando per roma e londra, io ce so arrivata passando x un’altra strada!

        Liked by 1 person

      • Oh maronna mj! Mo ce stanno pure i vangeli ysintrofili? Non me mette paura sa! Gia oggi pomerig. Pubblicamente ho pubblicato un post (che ce voi fa sennó co un post?) dove gli ho mantenuto una promessa… Poi dovrmmo pubblocare i suoo vangeli? E de che parlano? Me sa che il grano se lo semo gia fumato! Hahaha! Avvochetto! Ohi ohi! Se non ci fosse toccherebbe inventarti!

        Like

    • ahahhahaah in effetti quelle due, quella col nome che è una chiavica (Baby K…) e quell’altra che prima de cantà se magna i gatti vivi, dico, quelle due, so passate da Londra, Roma e Hong Kong pe annà a BangKok…che cazz di aereo hanno preso? Quello del Barone Rosso? 😀 Che era un baro, si sa -D un grande baro, un BARONE!

      Like

      • Cascpita! Che PENSIERONE che t’è venuto! Te sei pappato li puparuoli x cena? Vuoi il gaviscon percaso? Pensavo che il nome brutto fosse giuseppa! Hahahahah! Peró pensa se finiva la miscela all’aereo… Dovevano prende il piccione mio x arrivâ! Dove poi? Da un tipo… Speriam ne sia valsa la pena! Se potrebbe chiama pure nautilus col capitano nemo se andavano x mare!

        Liked by 1 person

      • Haahshhashhssh nautilus si quello me pare sia arrivato pure al centro di Londra a raccogliere la ciurma dei fantastici 7 figuriamoci che ce mette ad arrivare a bangkok

        Like

      • Appunto! Allora prendo quello… Io vaaaaarrei andare a phuket! Guarda ti rungrazio del pensiero gentilissimerrimo, ma x i gratta e perdi ce penso già da sola a non vincere…. Quando ero giuvine tre volte diverse ho vinto una piotta… Il botteghino a piazza di spagna mi voleva dare il ce tone in monete tytte da un euro!

        Like

  4. Dico subito che la chiusura è da stronzo (oggi sono di buonumore).
    Qui tutti seguono tutti, ma chi è che guida la carovana?
    E poi… ah sì: aposiopesi? Non andrò a cercarne il significato, sei moralmente obbligato a dirmi cosa diavolo vuol dire…
    Insomma molto bene, direi 🙂 Aspetto di capire dove vuoi andare a parare (sarà una cosa lunga, ovviamente, non sono portato per la comprensione…)

    Liked by 1 person

    • Dico subito che quando leggerai il resto questo ti sembrerà un giochino per signorine vergini…tieni a mente che tutti seguono tutti, ti tornerà utile tra due post per arrivare a un enigma prima che lo sciolga io.
      Aposiopesi è una figura (di me…ehm) retorica che consiste nel troncare una frase ma lasciando intendere perfettamente il resto di essa, tramite, appunto, la sospensione. Della serie “Se ti acchiappo….”…è sottinteso che ti faccio il culo!

      Liked by 1 person

      • Molto bene. Guarda che le aspettative sono alte, se te ne esci con una cagata, poi te ne puoi anche andare a…
        (Cosa dici, ho capito come funziona l’apocosalàcomesidice? 😀 )

        Liked by 1 person

      • Non precisamente…perché dovevo esser più preciso e aggiungere che la figura retorica sottintende un qualche motivo (pudore, illegalità etc) per cui chi lascia a metà la frase vuol trasmettere il messaggio ma non PUÒ completare la frase o fortissimamente non vuole…mauauauau nel tuo caso hai già scritto “cagata” per cui ben potevi chiudere con “cagare”. Però la tua è una ellissi perfetta come figura retorica 😂😂😂

        Like

      • Pensa che io intendevo a… fanculo :O
        In confidenza devo dirti che sono cretino perchè leggo sempre distrattamente: mi sono accorto solo adesso che nel titolo c’è anche il diario del S. :O …che sarebbe il serpente, giusto? Quello sì che dev’essere interessante come diario (tu dici “per tacer” ma non credo che tacerai davvero, no no 🙂 )

        Liked by 1 person

      • Dipende dal se è l’Eden. Se lo è. ..ti pare che potrei mai omettere la presenza più ingombrante? Se non lo è, parlare di serpente sarebbe fuori moda no?

        Like

      • Che dire, il ragionamento è corretto. A dirla tutta, se ci sono C. e A. l’Eden deve per forza essere storia passata (almeno secondo il testo originale…), quindi povero serpente, l’hanno lasciato indietro (perlomeno la sua versione “concreta”)… Questo mi rattrista, il serpente ha comunque una certa verve, saprebbe sicuramente come movimentare le cose… 😉

        Liked by 1 person

      • Se fosse l’Eden ci sarebbero tante rivelazioni scottanti. Alcune delle quali potrebbero spiegare come si andò avanti senza incesti. In quel caso potrebbe essere che il serpente fosse coevo a Eva…

        Like

      • Io non capisco chi ha messo in giro questa storia che non ci siano stati incesti… (Ma quando li hanno cacciati dall’Eden erano una coppia senza figli, mi sembra, vado a memoria eh)

        Liked by 1 person

      • La bibbia tradotta dall’arcivescovo di Firenze Martii (1833) in realtà tace sul punto. Anche se l’episodio della nascitaa segue subito quello della cacciata. Tuttavia Eva parla di dono di Dio riferendosi alla sua fertilità e immaginare un dono a un cacciato dal Paradiso va bene ma non è più logico che ipotizzare un parto nel paradiso:-)

        Like

      • Guarda non so. Mi sembra che quando di parla dell’Eden non si accenni a figli, e il capitolo successivo alla cacciata comincia con “Adamo conobbe Eva”. Non dico che sia decisivo perchè non è una cronaca, che deve seguire lo scorrere del tempo, però mi sembra più che probabile che Caino e Abele siano arrivati quando si era già nella valle delle lacrime. Poi magari se mi lasci il tempo vado a leggere come hai proseguito… 😛

        Like

      • eheheh la tua interpretazione è l’unica in circolazione, credo. Io da buon avvocato e da (novello, se non s’è capito) lettore di bibbia, ho notato che c’è la sequenza che dici tu, assolutamente, c’è il capo III “cacciata”, poi il capo IV “Adamo conosce Eva”, ma ho anche notato che non c’è alcun espresso riferimento al “quando” Adamo conobbe Eva, se prima, dopo o durante il paradiso. Unitamente a piccoli altri indizi 😉

        Like

      • Infatti, non c’è il quando… ma a chi avrebbero potuto lasciare i pargoli Adamo e Eva mentre loro due si intrattenevano con messer serpente? 🙂

        Like

      • A questo non rispondo: è chiaro che stai straparlando e non vorrei, approfittando della tua evidente mancanza di lucidità, indurti a scrivere cose che potrebbero essere usate contro di te 😀

        Liked by 1 person

      • Era con te che parlavamo di Eden e abele? Non trovo più i commenti…cmq se sì…leggi qui da un libro di Mark Twain (lo straniero misterioso ): So, with a thought, he turned the place into the Garden of Eden, and we saw Abel praying by his altar; then Cain came walking toward him with his club, and did not seem to see us, and would have stepped on my foot if I had not drawn it in. He spoke to his brother in a language which we did not understand; then he grew violent and threatening, and we knew what was going to happen, and turned away our heads for the moment…lo sapevo che qualche pazzo c’era che sosteneva la mia tesi 😂😂😂

        Like

      • E oltretutto è un pazzo sano! Mi chiedo perchè non ho ancora letto Mark Twain, DEVO al più presto rimediare, chè da quel poco che ho spizzicato qua e là mi sembra che lui sia un genio, e pure simpatico. In realtà la mia ignoranza è di una vastità sconcertante, infatti ti ringrazio per la stima, ma sappi che di quel brano ho afferrato abbastanza il senso… però il mio inglese è scolastico, e per scolastico intendo che risale a quindici anni fa… perciò ormai è in avanzatissimo stato di decomposizione 🙂

        Liked by 1 person

      • Basta che hai inteso il senso di Cain Abel e Garden mauaua tutto il resto era contorno. Quando deciderai di leggere qualcosa di Twain potresti iniziare dal Diario di Adamo ed Eva. Piccolo e esilarante. Se poi dovesse piacerti il suo stile potresti leggere Vita Dura a mio avviso uno dei suoi più riusciti libri a metà tra biografia e romanzo. Irresistibile per me!

        Like

      • Ahah ho capito anche che Caino si è incazzato e sta per fare quello che ha poi fatto…
        Grazie dei consigli, me li segno 🙂
        Ma quel Diario là, ha qualcosa a che vedere coi tuoi Diari? A naso non direi, o forse come spunto, chissà…

        Liked by 1 person

      • Pensa se finisce come è finito lost! Tra l’altro non ho visto le ultime due puntate e ho rosicato… Tu l’hai visto? Senti, ma se t’acchiappo… Non é x forza x farti quello che hai detto tu! Grattando sono arrivata qua! Hahaha!

        Liked by 2 people

  5. Io non c’ho il culo di Avvocatolo. Dopo aver letto la prima parte ed essere andato in soffitta una seconda volta, il fiasco di biancorosso era sparito. Cercando meglio ho trovato un’altra bottiglia con una misteriosa pergamena dentro. L’ho tirata fuori (Honni soit qui mal y pense) ed era uno scritto antico antico, bacato bacato, fitto fitto.

    C’era scritto:
    “Se credi al diavolo, leggi avvocatolo. E poi torna qui! Firmato: L’avvocatolo del diavolo.”

    Allora sono tornato a leggere di nuovo la prima parte e sorprendentemente ho trovato la seconda. L’ho letta. Sono tornato in soffitta. Non c’era più la bottiglia. Ma infisso (o affisso?) sul muro con un coltellino svizzero multifunzione di quelli che proprio c’hanno tutto, dicevo affisso (o infisso? è tardi lasciamo perdere) sul muro un nuovo messaggio… antico bacato e fitto.

    C’era scritto:
    “Trimone. Ma tu ancora al diavolo e a quel trimone di A credi?”

    Ohibò. Perplesso più di prima ho preso la canna (Honni soit qui mal y pense).
    Diventerò pescatore. Domani.
    Fnalmente ho capito che la terza parte chiarirà il mistero di A seguito da E.
    Torno in soffitta. Dormo lì, stanotte. E aspetto.

    PS Trimone non significa che A trema e balbetta. Significa che A… (ne parliamo nei commenti della terza parte). Invece trimone nel messaggio affisso (o infisso?) sul muro significa esattamente trimone nel messaggio affisso (o infisso?) sul muro.

    PPS ore 3:03 non c’ho sonno… la notte mi fa impazzir… (canzone di Adamo di qualche secolo fa)

    PPPS ho preso di nuovo la canna (Honni soit qui mal y pense)… Voglio diventare un buon pescatore.

    PPPPS I love capelli ricci > c’hai ragione, è roba buona.

    Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s