Io misstresso – 2ndo me

Precedente puntata qui.

***

Sono arrivato trafelato dal rettore della facoltà di Straminchiopoli il quale, dopo avermi illustrato il progetto, mi ha spiegato che avrei avuto bisogno di un ex studente che mi aiutasse nella redazione delle clausole più tecniche.

E quindi ha pigiato il bottone dell’interfono, dicendo qualcosa alla sua segretaria.

Si è spalancata la porta alle mie spalle e il rettore:

Avvo, ti presento Miss Stresso“.

Il gelo.

Mi giro e vedo Miss-Tresso che avanza massaggiandosi la testa.

Un perfido sorrisetto le si allarga sul volto.

Finite le presentazioni, mentre scendiamo le scale lei mi volge la schiena ma non mi rivolge la parola.

Io le corro dietro, e le dico:

“Mi stai facendo correre col ginocchio così, PENTITI”.

E scoppia a ridere.

I sussulti ridanciani dopo un po’ cominciano a diventare rantoli di dolore, si massaggia lo sterno.

Io sulla difensiva:

“Non cominciare a fare la commediante, la capata era in alto, non ti ho toccato lo sterno”.

“Mah no, devo andare in bagno, senti mi accompagni un attimo a casa? I bagni dell’università sono indecenti”.

Ah-ah, stesa! Che scusa banale, tanto valeva dirmi che voleva mostrarmi le sue farfalle.

Facendo il finto tonto autOntico, acconsento con finta pacatezza, mentre gli ormoni sugli spalti del mio apparato cardiocircolatorio intonavano cori da stadio e sventolavano le loro sciarpe da ultrà navigati.

Arriviamo a casa sua, lei mi fa accomodare nella sua stanza da letto.

Ah-aaah, vuoi che ti aspetti mentre ti prepari in bagno eh? Autoreggenti!, mi suggeriscono gli ultrà sugli spalti.

Mentre lei apre la porta del bagno, io entro nella sua camera e, non appena sento la serratura scattare, spengo la luce e mi spoglio in un lampo, mutanda ancora nei pantaloni, canotta ancora nella camicia.

Mi precipito sul letto, mi stendo su un fianco, tenendomi la testa alzata con una mano, puntellandomi con un gomito, sembro il Mayo Desnudo.

Nell’attesa dell’inevitabile follia, odo un barrito animalesco.

Seguito da un rumore che non riesco a decifrare.

Avrà le reggenti con il velcro?

Dopo i primi rumori di “velcro”, sento dei “plof”.

Comincia a mettersi male.

Ma allora veramente doveva andare alla toilette (sia detto per inciso, io i francesi non li capisco. Il profumo lo chiamano eau de toilette, che tradotto suona acqua di cesso, bah).

Appena sento “srot srot srot”, capisco che ho i secondi contati per rivestirmi.

Già vedo i titoli a caratteri cubitali (per gli ignoranti come Brum specifico che i caratteri cubitali prendono il nome dal cubismo di Picasso essendo, come le pennellate nei suoi quadri, messi un po’ a casso) dico vedo nella mia mente un titolo a caratteri cubutali nella newsletter di studio: “avvocatolo radiato(lo) dall’album degli avvocani per tentato stupro di un frigorifero con la faccia di tricheco rispondenre al nome sinuoso quanto ingannevole di Miss3sso”

Mi infilo i boxer (scrooosh), il pantalone (scrooosh di rubinetto), mi abbottono la camicia (clank clank, serratura), mi infilo le scarpe che stentano ad entrare, pagherei per avere il mio calzascarpe ora, mi rimetto la giacca.

Entra Miss Tresso e io sono vestito di tutto punto, seduto sul letto con le gambe incrociate, fischietto pure giusto per dare un’impressione di normalità.

Lei accende la luce, mi guarda fa:

“‘azzo ci fai al buio, con i pantaloni al contrario e le mie winx ai piedi?”

Advertisements

136 thoughts on “Io misstresso – 2ndo me

  1. Tralascio il racconto su come siano andate VERAMENTE le cose al nostro incontro e invece ti lodo per quel link di rimando alla puntata precedente. Davvero eseguito in maniera magistrale.

    Per non parlare dell’orario del tuo blog. Finalmente si è spostato su un fuso meno simile al proprietario.

    È come se sto blog fosse rinato. È come se qualcuno lo avesse sfiorato e lui si fosse ringalluzzito.

    Liked by 2 people

  2. Posso dire la mia?
    Miss Tresso non è presente nella tua compagnia degli sbomballati.
    Eppure dovrebbe essere piú presente che mai a mio dire: quando si condividono le winx non si può piú far finta di niente.

    Liked by 2 people

  3. è assodato: non posso più vivere senza i tuoi post. significa che tu non potrai smettere di scriverne, se non vorrai avermi sulla coscienza. e tengo pure figlio! e significa anche, considerato che conto di campare fino a centosedici anni, che ne dovrai scrivere di magistrali minchiate come questa, eccome. quanto a Miss Tresso… incantata. a prescindere. perché esiste. siete fantastici. perché non vi sposate? o siete sposati. voglio dire, tra di voi…sposati tu con lei e lei con tu…te. non che volevo sapere se siete….hai capito no? che poi te lo posso chiedere in privato, lo so come si fa, ora, mica sono scimunita fino a questo punto, che quando una, uno, uni, mi spiegano come si fa poi me lo ricordo, magari non subito ma poi sì.

    no è che ho sonno.
    bravo bis tris standing ovation ti amo

    Liked by 2 people

    • AHAHAHAHHA AAHAHAHAHAHHA ecco se faccio quella famosa pagina dei commenti top del top il tuo scalerebbe la classifica in un secondo! Ti lovvo troppo! E Misstresso no, non è mia moglie, ma una blogger che tento di bombarmi da 4 anni ma ogni volta che sono per raggiungere la meta succede sempre qualcosa 😂😂😂

      Like

      • Voi dovreste mettervi a parlare in radio. Voi e Mister G. Ci sarebbe da scompisciarsi. Ma chi siete? Ci sposiamo in quattro allora? Io non sono gelosa e due uomini li reggo xh’è una passeggiata e non correggo neanche la x e credo si essere davvero drogata stasera ha ragione miss T. non so neanche più se sto scrivendo da lei o da te o da me ma non è che siete siamo tutti un po’ rincogliniti quindi blog? Sì lo so c’è un altro errore eccheccazzo!

        Liked by 2 people

  4. Questa è da Zoo di 105…ma che mi combini avvocacchio? La Miss fa il richiamo della foresta nel bagno e tu, da buon Tarzan dei WC non ululi di pacere e ti metti le winx? Poi porti i boxer…eh no no no…Che delusione…ti vedevo avvinghiato al lampadario pronto a zompare addosso alla povera Miss in boxer, maglietta di Superman e le winx…mi sa che hai bisogno di ripetizioni di broccolamento…così non va…no no no… in costume adamitico mi sa che non vai bene neanche a carnevale…ahahahhahah

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s