Les Jours Tristes

isole

E poi i giorni tristi.

Giorni in cui un irrazionale impulso autolesionista ti induce a intingere il dolore – amplitudine ortiva dell’astro che veglia sulla tua insonne alba – in un vaso satollo di canzoni amare, amplificando al massimo il volume della tristezza.

A spremere un pompelmo acerbo su un guscio di mandorla.

Le canzoni di Yann Tiersen (sopra tutte, Les Jours Tristes) spremute sull’apertura di 72 mesi di scatoloni.

Le etichette, “libri Twain”, “posate”, “maglie neve”, tante incisioni su polverosi monumenti ai caduti baci e sentimenti, croci, croci che additano al viandante il nome di soldati dispersi, di loro nulla più, il corpo supino all’ombra di chissà quali (quanti) salici, marcescenti e brulicanti alla stregua della torta nuziale di Miss Havisham.

Il nastro adesivo strappato e gli spigoli ammorbiditi sembrano segnare il conto dei tentativi miseramente deragliati di aprire quei vasi di pandora fermi sul parquet dell’ingresso, zuppi di lacrime sdrucciolevoli, e infantili, e inutili, e amare come il cacao quando non c’è (più) nessuno che lo trasformi in dolce.

La congettura, che disimballare la mia vita e riporla sugli scaffali alle note di Tiersen sia il fondo, si rivela errata.

Dal cartone “consolle ingresso”, una lettera sigillata.

Sul retro, una firma tremula di chi ha imparato tardi a scrivere.

Mohammed.

Mohammed che stava prendendo a calci i cerchioni di una scalcinata Talbot del 1978 quando lo conobbi.

Mohammed che avrebbe dovuto tenere gli esami alla sua scolaresca, mentre imprecava, zuppo di una pioggia troppo fine per l’Africa, contro la Talbot impantanata nel canale ai bordi dello sterrato.

Mohammed, ogni giorno 30km di diesel e polvere, poi una canoa attraverso un mini arcipelago infestato, e infine 3 km a piedi (nudi, scarpe in mano per non sciuparle), per insegnare, e ritorno.

Mohammed che quel giorno, dopo aver accettato il nostro (turisti in camicia a fiori) passaggio di fortuna, se ne stava seduto in un angolo della canoa, il volto di profilo al nostro fluire, a stringere forte il suo registro sotto le braccia, contro lo sterno, non sapendo dove altro ripararlo.

Mohammed che ha riso come un matto quel giorno, perchè continuavo a rivolgermi a lui apostrofandolo “Barrack” come il neo eletto primo presidente USA di colore della storia.

Mohammed che quel giorno fece della mia Kodak usa e getta una coccarda.

Mohammed che aveva imbucato quella lettera da 6 anni, quando la fine ebbe inizio, quella lettera che l’idiota destinatario ha dimenticato tra i volantini di Trony e le notifiche di verbali (dettagli ai quali permettiamo di scombussolarci una giornata ma che scolorano rapidi e, 6 anni dopo, mera carta per il camino).

Mohammed che dentro quella lettera mi sorrideva da una foto presa con una Kodak usa e getta, il registro innalzato al cielo plumbeo come una coppa, lui circondato da bambini con i piedi scalzi nel fango, volti neri e sorrisi madreperlacei, tastiere di pianoforte eternamente mute, come il mio volto immortalato accanto al suo (indegno!), il mio volto da cui non manca nulla, solo una ruga di amarezza in più venuta col tempo, l’utopia di Cage prolungata per 72 mesi anziché 4 minuti e 33.

Mohammed che ho scoperto non potrà alzare la cornetta di quel numero (pubblico) che aveva vergato insieme all’unica altra parola di quella maledetta lettera che ha attraversato un continente per nulla: THANKs.

Mohammed che chi lo potrà mai sostituire per innalzare al cielo altri registri di pentagrammi per quelle minute, spaurite tastiere di pianoforte che trovammo piangenti perché il maestro sembrava non dovesse arrivare mai (figli nostri, figli nostri…voi che frignate per il motivo opposto…).

Mohammed che spero lassù non debba mai più aspettare invano 6 anni una telefonata da un ingrato smemorato col volto segnato dalla sua vita andata storta, tutta e niente storta, come quella Talbot, impantanata in un canale senza un perché.

E forse, chissà, destinata a macinare altre miglia di notte.
Sotto la pioggia.

Nella nebbia.

Incontro al sole?.

Advertisements

181 thoughts on “Les Jours Tristes

  1. “….mi pareva filantropico condividere col mondo il mio dolore nella speranza di addolorarvi un poco pure a voi…” mi sa che ci sei riuscito… ma condividendolo il dolore, forse si fa un po’ più dolce…

    Liked by 1 person

  2. Commovente…non ci sono parole ma vorrei dire che a parte sl tristezza (che comunque è la cosa che più si sente dalla prima all’ultima riga) anche il come la esprimi è davvero notevole, che stile! so che ti importa forse poco, pero’ proprio è scritto bene bene bene

    Liked by 1 person

      • e grazie per avermi fatto scoprire Cage…ma ti pare un pianista in una sala piena di gente che sta 4 minuti in silenzio a sentire le note solo sulla carta!!! pazzia pura…

        Liked by 1 person

      • Prova a cercare David Tudor suona Cage (sono al cel e non riesco altrimenti te lo linkavo) ha pure messo il metronomo in funzione!!Un mito. Anche se non è cosi…pero ho la brutta sensazione si aver fatto come tudor…perso a guardare la tastiera piena di tasti senza pigiarne nessuno mentre il metronomo continua a fare tic tac…tic tac…

        Like

      • La colonna sonora di Amelie l’ho scoperta circa 3 anni fa e me la sparo in vena da allora, ogni tanto, in loop: è curativa, sai?! Alla fine, il grumo di pensieri-parole-opere che hai, si è risolto in un bolo che all’occorrenza si può espellere. E poi ricominciare a respirare 🙂

        Liked by 1 person

  3. avvocà..
    così… giusto per non dimenticare eh.. che qua nulla si cancella..

    tu cancelli..
    ma io avvocato del diavolo songh’…
    becchete…
    fammme naaaaa…
    NO COMMENT! la denunzio all’albo e al CILB! altrochè..

    Like

  4. avvocato.. mica sarà pure begalino?!
    inforchi gli occhiali.. guardi da un fondo di bottiglia…
    PERCHè SE VEDE! LEI è PROPRIO ANTIDILUVIANO

    Like

  5. entro in punta di piedi in questo tuo mondo così singolare, che veicola su due binari: da una parte i post scritti a tinte tanto forti da scombussolarti dentro e dall’altra i colloqui fitti fitti con i tuoi amici 🙂 Bello esser qui a conoscerti 🙂

    Liked by 1 person

  6. Su questo Silvà ha ragione: quando la media è zero, anche un 1 può essere un buon voto. Leggere i tuoi post ci risolleva il morale e ci fa sentire degli scrittori seri, in effetti.

    Liked by 1 person

  7. mi accorgo che lo avevo già letto…ma da “persona silenziosa” non ho mica trovato le parole…ho visto, ora come allora, una pellicola muta piena di emozioni senza voce e qui, in questo brano un grido e poi ancora silenzio. Lo so sono ingarbugliata, ma “sento” così…

    Liked by 1 person

  8. E così ti leggo. E’ una storia toccante; a te è successo di dimenticare una lettera, altri non vedono le cose importanti, le fanno sfuggire per rincorrere ideali di plastica. E il tempo passa e il cuore invecchia. Conta accorgersene. Per te nessuna colpa, per gli altri una colpa eterna. Esisterà una redenzione?
    bel post, grazie per avermelo segnalato.

    Liked by 1 person

    • Hahahaha ahahaha maddai su su, chi scherza non può provare sentimenti? Io mi preoccupo sempre molto di più a conoscere persone troppo serie. Alla cronaca nera non si è mai visto un vicino intervistato dalla Rai dire del carnefice “era un gran cazzaro stava sempre s prendere per culo gli altri e se stesso”….

      Liked by 1 person

      • Eh, sarò io a essere limitata, che ti debbo dire! Probabilmente è che ho letto cinque post in tutto dove mi sono sganasciata per il tuo modo irriverente di scrivere e poi mi trovo davanti un cuore aperto. Eh. Mi piace, già ti stimo.

        Like

  9. Pingback: La mia Africa (nessuna razza dov’è l’amore) | avvocatolo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s